Post operatorio

Mastopessi: La fase post operatoria

 

Il primo o secondo giorno durante la visita postoperatoria verranno rimossi la medicazione e gli eventuali drenaggi. E’ importante visitare spesso le pazienti, in genere entro le prime 24/48 ore. Il medico controlla il complesso areola-capezzolo per assicurarsi che sia di un rosa acceso e che abbia un ottimo apporto di sangue. Talvolta le pazienti presentano problemi nell’apporto di sangue al complesso areola-capezzolo, ma questo succede molto raramente. Ancora una volta, il fumo influisce sull’apporto di sangue, e per tale motivo si consiglia di non fumare almeno due o tre mesi prima dell’intervento.

Per quanto riguarda le incisioni e la simmetria del seno, a seguito dell’intervento potrebbero essere lievi differenze tra i due seni. Se è questo il caso, il chirurgo plastico eseguirà un piccolo ritocco per riposizionare il complesso areola-capezzolo. Potrebbero essere necessari in un secondo momento dei piccoli adattamenti. Raramente si verifica una perdita permanente della sensibilità ai capezzoli o alla pelle del seno.

Dopo l’operazione, è normale sentirsi un po’ a disagio per alcuni giorni. Il medico di solito consiglia di indossare un reggiseno o delle medicazioni speciali per dare il supporto necessario durante la convalescenza. A volte il chirurgo consiglia l’utilizzo di reggiseni speciali o push-up per mantenere il tutto in una posizione corretta per 24 ore al giorno e per almeno un periodo che va da quattro a sei settimane. Per la prima settimana, sono necessari degli antidolorifici oppure degli antibiotici, nonché la rimozione degli eventuali drenaggi al secondo o terzo giorno. Se sono state inserite delle protesi, è necessario fare attenzione ed evitare attività che possono urtare contro il petto, perché ciò potrebbe causare la rottura della protesi.

Entro due o tre settimane, vengono rimosse tutte le suture. La dimensione e la forma del seno continuano a migliorare col tempo. E’ molto importante limitare le attività, vivere in un ambiente tranquillo e trascorrere la convalescenza a casa. Se le pazienti hanno dei bambini piccoli, va detto loro che non possono sollevarli o prenderli in braccio. E’ preferibile far sedere i bambini accanto alla paziente sul divano oppure è la paziente che deve sedere sul pavimento accanto a loro. Non è consentito sollevare carichi pesanti per almeno quattro/sei settimane dopo l’intervento.